Si è concluso lo scorso lunedì 21 novembre il progetto di Fondazione Unipolis in collaborazione con il Consiglio Regionale Unipol (CRU) della Lombardia, nato per creare consapevolezza tra i giovani sui rischi e sull’utilizzo corretto del monopattino elettrico e promuovere il rispetto di tutti gli utenti della strada nel contesto urbano di riferimento.

Dal 7 al 21 novembre, studenti e studentesse della scuola Imiberg di Bergamo, hanno partecipato al programma di formazione ideato per rispondere alla crescente diffusione dell’utilizzo del monopattino, soprattutto tra i giovani, grazie in particolare ai servizi di sharing mobility. In Italia, ad oggi, si contano tra i 150 e 200 mila mezzi in circolazione. Diffusione accompagnata purtroppo da un utilizzo improprio del mezzo e dal conseguente aumento della pericolosità per tutti gli utenti della strada; in particolare, nel 2021 in Italia ci sono state 9 vittime alla guida di un monopattino e un pedone investito e deceduto, a fronte di 2101 incidenti che hanno coinvolto questa tipologia di mezzo e 1940 feriti.

Il progetto ha previsto la partecipazione a quattro moduli e un esame finale. I moduli hanno previsto prove di guida su strada del monopattino, educazione sui segnali stradali ma anche l’analisi delle componenti del mezzo e delle leggi della fisica e della dinamica che lo governano. Oltre che infine un modulo dedicato a delineare gli scenari della mobilità del futuro. Il programma è stato realizzato con la partnership tecnica della società Bit Mobility che oltre a collaborare alla realizzazione del corso gratuito con esperti e tecnici, ha fornito i monopattini elettrici a supporto della formazione, gadget per i partecipanti e buoni per usufruire gratuitamente dei servizi di sharing nella città di Bergamo.