Un simulatore che consente di vivere le attività portuali verrà presentato in anteprima
al 62° Salone Nautico di Genova dal 22 al 27 settembre e potrà essere sperimentato presso lo stand di SIAT e UnipolSai Assicurazioni.

Dal 22 al 27 settembre, al 62° Salone Nautico di Genova presso lo stand di SIAT e UnipolSai Assicurazioni, si potrà vivere un’esperienza alla scoperta del Porto merci di Genova: il tour permette di scoprire e di vivere in prima persona tutte le attività che si svolgono nel porto attraverso l’utilizzo di un visore di Realtà Virtuale.

Il prototipo – realizzato grazie al coinvolgimento del dipartimento Information Technology di SIAT, società assicurativa del Gruppo Unipol specializzata nelle assicurazioni trasporti, partner e membro del CRU Unipol della Liguria –  diventerà in futuro scaricabile dagli store digitali e fruibile anche come app.

Il progetto interattivo che ha coinvolto le associazioni del CRU – Consiglio Regionale Unipol della Liguria, la Camera di Commercio e l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale ha anche lo scopo di restituire ai Genovesi ed a tutti i visitatori interessati all’economia del mare, una rappresentazione realistica del dinamismo e della vivacità dell’attività portuale.

L’obiettivo del progetto è avvicinare e mettere in connessione la città di Genova con il Porto, che rappresenta la più grande realtà locale, nonché la principale comunità socio economica del territorio e una delle più rilevanti del nostro Paese.

Grazie alla collaborazione con i Musei del Mare e delle Migrazioni, il simulatore sarà, in seguito, trasferito presso la sede del Galata, una location che permette di sottolineare la grande connessione tra la storia della nostra regione, delle migrazioni, del lavoro e della globalizzazione e la contemporaneità” – spiega Mattia Rossi, Presidente CRU Liguria –  “Vogliamo ringraziare le Istituzioni coinvolte e tutte le Associazioni del CRU Unipol della Liguria che hanno creduto in questo progetto e SIAT che ha reso concretamente possibile la sua realizzazione. I CRU sono organismi informali che aggregano gli stakeholders del gruppo Unipol, nonché un’ampia rete di rappresentanza di molteplici interessi che vedono in esso un luogo importante di confronto sui temi economici e sociali del territorio, le opportunità e le strategie di sviluppo comuni”. 

Il CRU Unipol della Liguria raggruppa Legacoop, Confesercenti, CIA, CNA, Libera, Legambiente, ARCI, SIAT (Gruppo Unipol), CGIL, CISL, UIL ed è un’organizzazione aperta al continuo confronto con tutti i soggetti attivi della regione.