Si è tenuto venerdì scorso, 8 novembre, presso la sede della Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi, l’incontro “Cambiamenti climatici: valutazione e gestione del rischio per le imprese”, nel corso del quale il Chief Resilience Officer del Comune di Milano Piero Pelizzaro e Marjorie Breyton del Gruppo Unipol, insieme a Giovanni Celeri e Marco Santinato di CINEAS (Consorzio Universitario per l’ingegneria nelle assicurazioni), hanno  presentato il progetto europeo LIFE Derris – DisastEr Risk Reduction InSurance. Ad introdurre i lavori è stata la Responsabile Ambiente e Sviluppo Sostenibile della Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi, Palmina Clemente.

Organizzato da Comune di Milano e Gruppo Unipol, in collaborazione con Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi, quello di venerdì è stato il primo appuntamento di formazione rivolto al personale delle Piccole Medie Imprese nell’ambito del progetto Derris.  Il progetto si pone come obiettivo l’incremento della resilienza delle PMI italiane ai cambiamenti climatici e ai rischi dovuti a fenomeni climatico-meteorologici ad essi collegati, tramite una formazione specializzata per il personale delle imprese e l’utilizzo di un tool apposito per valutare il rischio specifico dell’azienda e sviluppare, aggiornare ed integrare il proprio piano di adattamento.

Sviluppato all’interno di un bando LIFE europeo, testato per la prima volta nella zona di Torino e ad ora attivo in dieci città ed enti locali, il progetto Derris arriva anche a Milano con il titolo “Derris: Milano che protegge”, tramite una partnership tra Comune di Milano, Gruppo Unipol e il coinvolgimento di diverse associazioni di categoria sul territorio della Città Metropolitana.

Quella della resilienza e dell’adattamento ai cambiamenti climatici è una sfida reale per le PMI italiane: il report di Legambiente Le città italiane alla sfida del clima evidenzia come dal 2013 al 2016 i danni accertati da alluvioni o fenomeni franosi ammontino a circa 7,6 miliardi di euro, di cui solo il 10% coperto da finanziamenti statali.

I cambiamenti climatici influenzano la frequenza e l’entità di eventi impattanti, come allagamenti da piogge intense o blackout elettrici dovuti al maltempo, che possono danneggiare ed ostacolare la produzione di aziende ed industrie. Tra queste, per la loro conformazione, le piccole medie imprese sono le più vulnerabili: recenti studi evidenziano come il 90% delle PMI che, in conseguenza di un evento catastrofale, sono costrette ad interrompere la produzione per più di una settimana, falliscono entro un anno.

Il progetto intende fornire assistenza e supporto alle PMI interessate tramite una formazione specializzata e la presentazione del CRAM tool, nuovo strumento di autovalutazione del rischio climatico appositamente sviluppato. L’intento del tool è assistere le piccole medie imprese nel valutare i rischi cui sono esposte relativamente a sette fenomeni meteo-climatici: alluvione, pioggia, vento, grandine, fulmini, temperatura e frane. Sulla base dell’analisi dei rischi, lo strumento offre inoltre un supporto al personale delle PMI nella stesura di un piano di adattamento personalizzato, comprendente possibili interventi per la prevenzione e gestione dei rischi.

Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie propri e di altri siti al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare. Sono presenti anche cookie di “terze parti” per consentire la presenza di contenuti generati direttamente da altre organizzazioni, integrati nella pagina del sito e riportanti informazioni dei social network. Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o per esprimere le tue preferenze sull’uso dei singoli cookie clicca qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi